Patella

Sei uno scoglio a cui mi aggrappo

per resistere alle intemperie del mare,

che mi sembra saldo e sicuro

nella continua risacca del mare,

eppur ispido e duro,

così scivoloso,

così scomodo e crudele sul mio ventre molle e lacerato.

Eppur un mare mi aspetta

e alle tempeste si alternano sereno e avventura.

E una spiaggia si stende lunga per il mondo.

E forse tutta la meraviglia del mondo si staglia

oltre questo piccolo scoglio.

E io tutta la sto perdendo,

quando così poco basterebbe a lasciarti andare,

a smettere di aggrapparmi

a una paura irreale.

Black

Nero

Nero è un colore

L’assenza di colore

Nella sintesi additiva

O la somma di tutti, in quella sottrattiva

La somma di tante ingiustizie

Che ci tolgono valore

O l’assenza di umanità

Nella voce della gente.

Nero è un livido

Che sul nero non si vede

E cosi una storia

Fatta di dolore

Che cela per se stessa

La forma del proprio livore.

Cosi è che voci nere

Parlano a voci nere

Con un canto che gli altri

Non posso ascoltare

Perché risuona in una pelle

Che non è la loro.

Perché il nero non è un colore

Ma è un’assenza nel mondo

Che parla di tutti.

Ed è per questo che conta.

Perché è il colore che parla di un dolore

Che nessuno dovrebbe provare.

Amare non significa star bene

Amare non significa stare bene.
Amare significa assegnare ad un altro individuo un’importanza superiore a quella di tutto il resto dell’universo.
E ritrovare in questo il senso stesso della vita e dell’esistenza tutta.
E non c’è niente di giusto in tutto ciò.
E si può tranquillamente vivere senza amare.
Si può vivere stando bene, con un’altra persona.
C’è una ragione se l’amore è associato più al dolore che alla felicità.
Perché l’amore è il sacrifico della propria individualità di fronte all’altare dei sentimenti.
E non c’è un modo sano di amare.
C’è sicuramente un modo sano di vivere.
Ma ragazzi.
Se amate, se amate veramente
e avete la fortuna di venire amati a vostra volta.
Beh.
Non c’è forma di benessere al mondo che possa tenergli testa.