Trema

Tre ma 

Avversi al placido avanzare

Di vite terse

Care 

Spente

E i fragili secondi

Crollano

E tutto tace 

Tra le macerie 

Consolate

Da preghiere piene 

Di bestemmie lacrimanti

E grida al cielo

E inni alla crudeltà del sogno

Che ci vuole ospiti

Su di un terreno confortante.

Ma siamo apolidi

Emigrati dal nulla

Nomadi 

In un pianeta

Stanco 

Che a casa sua piu 

Non ci vuole.